domenica 8 giugno 2014

Pasta al Mais senza cottura

La Pasta al Mais, o Porcellana Fredda, è uno dei materiali con cui ci divertiamo di più a pasticciare.
Recentemente abbiamo scoperto questa nuova ricetta che non prevede cottura, è quindi molto più veloce e semplicissima da realizzare, ma soprattutto consente di preparare anche quantitativi minimi secondo necessità.
Le caratteristiche di resistenza, idrorepellenza e versatilità sono identiche a quelle della Pasta al Mais con cottura.

Ingredienti:
(per circa 500 g di pasta)

  • 250 g di maizena
    (amido di mais)
  • 250 g di colla vinilica
  • 2 cucchiai (15 g ca.) di olio idratante per bambini
    (tipo Johnson's)
  • 2 cucchiai (15 g ca.) di succo di limone
  • qualche goccia di olio essenziale profumato
    (facoltativo)


Preparazione:

Unire in una ciotola tutti gli ingredienti nell'ordine ed iniziare a mescolare con un cucchiaio di legno facendo attenzione a che non si formino grumi.
È consigliabile non riutilizzare gli utensili impiegati per la preparazione della pasta al mais per scopi alimentari.

Una volta che il composto inizia a prendere consistenza, proseguire ad impastare con le mani su un piano di lavoro protetto con carta forno o su un tappetino antiaderente.

Continuare ad impastare per almeno 2 minuti, fino a che l'impasto non risulti liscio, omogeneo e non appiccicoso.
Se dovesse risultare ancora appiccicoso, aggiungere poco alla volta altra maizena e continuare a lavorare.

Una volta pronto l'impasto, avvolgerlo bene con la  pellicola trasparente e chiuderlo in un sacchetto gelo o in un contenitore ermetico.


Utilizzo e conservazione

I pezzi modellati si asciugano semplicemente all'aria, anche abbastanza rapidamente.

Durante la lavorazione, la pasta che non si utilizza va sempre tenuta avvolta nella pellicola trasparente per evitare che si secchi.
La pasta può essere conservata anche per diversi mesi, ma non abbiamo ancora potuto verificarlo perché finora abbiamo realizzato solo i quantitativi necessari alle lavorazioni.

Se durante la lavorazione la pasta dovesse indurirsi troppo, è sufficiente impastarla di nuovo aggiungendo un po' di crema idratante per le mani.
Al contrario, se dovesse risultare troppo appiccicosa aggiungere della maizena.

Come per la Pasta al Mais con cottura, anche in questo caso per colorare la pasta fresca basta aggiungere poche gocce di colore alla volta (la pasta al mais assorbe tantissimo il colore!) ed impastare fino a che la colorazione non risulti omogenea e dell'intensità desiderata.
La colorazione può essere effettuata anche direttamente sul pezzo completamente asciutto utilizzando qualsiasi tipo di pittura.

Per l'incollaggio dei pezzi, la colla vinilica va benissimo sia per la pasta fresca che per quella secca, ma nel secondo caso si può ricorrere anche alla colla a caldo per velocizzare l'operazione.

Nei prossimi post vi mostreremo quello che abbiamo realizzato con questa nuova ricetta...


Ti potrebbero interessare anche:
                  

38 commenti:

  1. Sicuramente non è commestibile questa pasta e i miei se li faccio, li vogliono anche mangiare, perciò non riuscirò a fare questa pasta che comunque sembra molto interessante. Immagino come si modella bene e quante cose belle fai con questa pasta !!! Complimenti e buona giornata !!! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non è una pasta alimentare, ma di tipo hobbistico per creare oggetti di ogni tipo da regalare o tenere come ricordo. Prestissimo posteremo esempi di cosa si può combinare con questo materiale... alla prossima!!! >‿◕

      Elimina
  2. Eccomi a curiosare :D
    La ricetta è diversa da quella che avevo provato... nella vostra c'è più maizena. Forse la mia versione ne prevedeva troppo poca...
    Il panetto ha uno splendido aspetto... vi siete trovate meglio che con quella cotta, in termini di lavorabilità? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sonia!!! ^◡^
      In realtà come lavorabilità e resa mi pare abbastanza simile a quella cotta.
      Il motivo per cui preferisco questa a crudo è la velocità di preparazione, il fatto che non devo aspettare che si freddi prima di iniziare ad usarla, e che all'occorrenza è possibile prepararne al volo anche solo un piccolo quantitativo. >‿◕

      Elimina
  3. Ummm..."la ricetta" sembra semplice, se riesco a trovare i vari "ingredienti" provo! Qualche consiglio per chi inizia? La durata e la resistenza delle creazioni?? Grazieeee! :)
    Che bello avervi conosciute ^_^
    A presto, Raggio di Sole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!! Gli ingredienti li trovi tranquillamente in qualsiasi supermercato, e le creazioni sono praticamente eterne!!!
      Sono anche piuttosto resistenti, alcune mi sono cadute a terra senza riportare neanche un graffio!
      Consigli? Tieni la pasta fresca ben chiusa nella pellicola, e considera che quando aggiungi colore nell'impasto questo tende ad asciugarsi.
      Se hai altre domande, chiedi pure. Ora siamo proprio curiose di vedere cosa creerai... e facci sapere come ti trovi con questo nuovo materiale!
      Ciao!!!❤❤❤

      Elimina
  4. ciao e grazie x il tuto. volevo chiederti ma al posto dell'olio x bimbi posso usare la crema nivea per le mani? o al posto del succo di limone l'aceto? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego!!! ^◡^
      Non ho mai provato a fare queste sostituzioni, però la crema si usa per ungere le mani e la pasta nel caso durante la lavorazione si dovesse seccare troppo, mentre l'olio, che è più liquido, all'interno della ricetta serve ad aumentarne l'elasticità, quindi non credo verrebbe bene sostituendolo con la crema.
      Anche nel caso dell'aceto non sono sicura che otterresti lo stesso risultato: il limone sbianca la pasta, la stabilizza e svolge anche un'azione antimuffa... non credo che l'aceto abbia le stesse caratteristiche ma, come ti dicevo, non ho mai provato.
      Comunque sia l'olio che il succo di limone li puoi trovare facilmente al supermercato e scegliere le marche più economiche (noi facciamo così), e poi ti durano tantissimo!
      Spero di esserti stata utile. Se serve altro, chiedi pure.
      Ciao!!! ❤❤❤

      Elimina
    2. grazie! ho letto su un altro blog che si può fare. boh? c'è anche chi non mette il limone...

      Elimina
    3. Come ti dicevo non ho mai provato, ma trovo che il limone conferisca un bell'aspetto alla pasta. E poi ti immagini a lavorare con l'odore di aceto costantemente sotto il naso?!? Io non ce la farei!!! XD
      Comunque di ricette e varianti ce ne sono tante, alla fine devi fare delle prove (quindi meglio cominciare con mezza dose) per individuare quella con cui tu ti trovi meglio! ^_^

      Elimina
  5. Ottimooo la proverò ^_^ dato che vorrei fare delle decorazioni, e poi applicarle su un tazzone bianco che ho già, come incollare in modo duraturo le due parti?... è un tazzone da latte che una volta finito userò grazieee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaela!
      Ancora non ho mai provato ad applicare la pasta al mais su superfici così lisce, ma se la decorazione da applicare è ancora fresca dovrebbe essere sufficiente la colla vinilica.
      Se invece la decorazione è già secca, potresti provare con la colla a caldo o qualche colla universale a presa rapida.

      Ricorda però che gli oggetti in pasta al mais non vanno lavati, quindi dovresti proteggere le decorazioni con qualche mano di flatting o vernice protettiva che le isoli dall'acqua. E ovviamente la tazza non la puoi mettere in lavastoviglie.

      Fammi sapere come va il tuo esperimento, e se ti sono stata utile.
      Ciao!!! ❤❤❤

      Elimina
  6. Ciao! Grazie mille per questa ricetta! Voglio farla per creare le impronte delle mani e dei piedini, di mia figlia. ^_^
    Però vorrei evitare come la peste di dover comprare l'olio Jhonson's...secondo te puo' andare bene altro olio...tipo quello di mandorle, o di semi...od un altro, sempre naturale? :-(
    Grazie! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabina! ^_^
      Neanche io uso il Jhonson's, va bene qualsiasi olio idratante che aiuterà l'impasto a mantenersi morbido ed elastico.
      Per l'uso di oli alimentari non so che dirti, non li ho mai provati ma non mi convincono per questo tipo di impasto.
      Ricordati di tenere sempre a portata di mano una crema per le mani da usare nel caso la pasta si secchi troppo, e buon lavoro!
      Se hai altri dubbi, io sono qui! ❤❤❤

      Elimina
  7. Ciao, io volevo chiedere come si fa poi a creare qualcosa? La pasta si modella facilmente? Va tagliata o cosa? Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Pasta al Mais è una pasta per modellare, quindi si maneggia e si modella come la creta o il Das, asciuga all'aria, è facile da modellare e consente di creare cose meravigliose! ^_^

      Elimina
  8. spero tanto di riuscire a fare dei cabochon scanalati per inserirli nel mio macramè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono esperta di cabochon, ma conosco tantissime creative che realizzano bigiotteria con la Pasta al Mais, quindi spero possa fare anche al caso tuo. ^_^

      Elimina
  9. Ciao Ottavia, ma gli oggetti realizzati con la porcellana fredda sono effettivamente eterni? Oppure possono rovinarsi con il passare del tempo, con l'umidità o con il caldo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Caldo e umidità non influiscono sulla tenuta degli oggetti, che in teoria sono fatti per essere praticamente eterni.
      Posso dirti che i primi lavori che ho fatto io risalgono ormai a 17-18 anni fa, e sono ancora lì intatti. ^_^

      Elimina
  10. Perfetto. Grazie! Ed eventualmente quale prodotto potrei utilizzare per rendere gli oggetti lucidi o comunque per proteggerne il colore? ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me personalmente piace molto l'aspetto naturale della Pasta al Mais, infatti non la lucido praticamente mai. ^_^
      Altrimenti si trovano in vendita nei negozi di Belle Arti o bricolage degli spray protettivi a finitura lucida, opaca o satinata.
      In alternativa potresti provare la lacca per capelli, molte creative la usano e si trovano bene.

      Elimina
  11. Grazie della ricetta, l'ho provata ed è una pasta con una fantastica consistenza.. Tuttavia un certi punti mi si "crepa" quando si secca. Come posso ovviare il problema? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi piace tantissimo!!! ♡♡♡
      Purtroppo a volte si crepa, succede. Per ridurre i rischi noi mettiamo sempre un po' di pittura acrilica nell'impasto, e durante la lavorazione usiamo la crema per le mani per evitare che la pasta si secchi troppo.
      Se si dovesse comunque crepare, puoi nascondere le crepe stendendoci sopra dell'impasto molto molto morbido.
      Spero di esserti stata d'aiuto. Ciao! ^_^

      Elimina
  12. Ciao, ho letto in un altro blog che esi deve usare olio contenente paraffina,me lo confermi? Io, seguendo una filosofia bio riguardo i prodotto per il corpo, ho a casa un olio bimbo senza paraffina. Va bene lo stesso? Grazie per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Ho appena controllato e l'olio che uso io contiene paraffina, ma sinceramente non so se sia un elemento essenziale,
      L'unica è provare e vedere come viene... ^_^

      Elimina
  13. Ciao cara, complimenti, sei bravissima.
    Come unisci i vari pezzi di una creazione? Serve la colla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! ❤❤❤
      I pezzi li unisco con la colla vinilica, nel caso dei pezzi non ancora asciutti la presa è più rapida.
      Ciao!!! ^_^

      Elimina
  14. Ciao Ottavia, è da tempo che sto pensando di provare la pasta di mais, ma sono indecisa tra quella cotta e questa a freddo. Sapresti dirmi che differenza c'è tra loro? forse la durata? o la consistenza? vorrei che, se dovessi fare un lavoretto, mi durasse nel tempo senza che si rovini.
    Grazie
    Fabiola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cao Fabiola! ^_^
      Io ho provato entrambe le versioni, e devo dire che non ho riscontrato molte differenze tra i due impasti. Trovo però questa senza cottura molto più semplice e veloce da preparare, e a mio parere è anche più facile da "aggiustare" nel caso non venga subito perfetta (il che può capitare ad esempio per variazioni climatiche o a seconda della marca di colla).
      Ma posso dirti che da quando ho scoperto questa ricetta, ho ricominciato a creare tantissimo, e con grandi soddisfazioni! ^_^
      Se hai bisogno di altre informazioni, chiedi pure.
      Ciao!

      Elimina
  15. Ciao ho provato questa ricetta ma quando vado X modellarla mi si apre. Ho provato ad aggiungere ancora degli ingredienti piano piano maizena olio colla ma niente. Cosa può essere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Ti si apre nel senso che è troppo secca?
      Le colle viniliche sono diverse tra loro, alcune richiedono più maizena e altre meno, e a volte anche l'umidità ambientale modifica la resa dell'impasto. Devi solo imparare a capire quale sia la consistenza giusta.
      Mentre modello invece uso la crema per le mani per ammorbidire e mantenere umido l'impasto, questo trucchetto mi ha risolto un sacco di problemi! ^_^

      Elimina
  16. Si l'uso della crema lo faccio ;) Si apre ma non che si crepa, come se mettessi vicino due pezzi , non aderiscono, non si amalgama. Uso il vinavil

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dovrebbe essere solo leggermente troppo secca. L'impasto deve risultare elastico, quando ne tiri un pezzo deve fare il filo, non so se mi spiego...
      La prossima volta metti meno maizena, tieni l'impasto più morbido e dovresti risolvere. Se poi risultasse troppo morbido, puoi aggiungere altra maizena dopo, direttamente mentre lavori. ^_^
      Per "salvare" la pasta che hai già fatto prova a lavorarla un po' con le mani umide di acqua, dovrebbe ridarle la giusta umidità.

      Elimina
  17. Sono curiosa di provare questo tipo di pasta e la ricetta sembra abbastanza facile.... Mi chiedevo, però, quali colori utilizzare??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto facile, bisogna solo imparare a capire quale sia la consistenza giusta. ^_^
      Per colorare l'impasto si possono usare colori a tempera, ad olio o acrilici. Io uso sempre qualche goccia di pittura acrilica, che va aggiunta poco alla volta perché colora tantissimo. E tieni presente che asciugandosi i colori diventano più intensi!

      Elimina
  18. Mi piace, ma secondo te, se tiro la sfoglia sottile, e la inserisco in una mezza pallina, tipo quelle di plastica trasparente che si usano a Natale, e la faccio seccare, riesco poi a sfilarla? Pensi che dovrei oliare o unguentare con la crema per mani la mezza sfera? Grazie e ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ungo gli stampini con la crema per le mani e si sfila tranquillamente.
      Però devi controllare cone procede l'asciugatura perché la pasta tende a restringersi. Per ridurre questo effetto ti consiglio di unire della pittura acrilica all'impasto prima di metterlo in forma. ^_^

      Elimina